Bukowski Lungo Mar

Bukowski Lungo Mar

Agosto 2018, Pescara.

 

Duke Ellington racconta che il momento migliore per comporre era quando si svuotava il locale. Per me è quando comincia ad animarsi. Scrivo seduto ad un tavolino del Bukowski Lungo Mar , mentre il personale prepara i tavoli per la cena. Le ragazze parlano tra di loro ad alta voce. Una di loro dirige i lavori: disposizione dei tavoli, previsioni del tempo, l’annosa questione delle tovaglie che litigano con il vento di mare. L’ho soprannominata “Freccia dell’Adriatico” per ovvie ragioni; durante la stagione estiva lavora come cameriera per guadagnare abbastanza per continuare gli studi di Teatro a Madrid. Dietro il bancone c’è  una ballerina ; alla fine di settembre tornerà a Roma, per riprendere la Scuola di Danza. Il sole e la pioggia si sono alternati per tutta la giornata e in spiaggia non c’è anima viva. Tra le nubi che si riflettono nell’azzurro cilestrino del mare adriatico, spunta un mezzo arcobaleno. Le ragazze corrono sulla battigia per fare fotografie. Si sente profumo di futuro.

Lascia un commento